• Wikio - Top dei blog - Salute

  • gennaio: 2017
    L M M G V S D
    « Dic   Feb »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 1.310 follower

  • Statistiche del Blog

    • 238,616 hits

Più pulisco, più mi inquino

lingulataNon si può mai stare tranquilli. Anche se abbiamo attenzione nel tenere puliti le nostre case e i nostri luoghi di lavoro, anzi proprio per questo, siamo circondati da inquinanti. Alcuni pure cancerogeni, come ad esempio la formaldeide. Il fatto è che più le nostre case sono sigillate per non disperdere calore e per ripararci dall’esterno, più respiriamo ed entriamo in contatto con sostanze inquinanti. Il paradosso è che molti inquinanti sono contenuti in prodotti comuni che usiamo per ottenere la sensazione di profumato, pulito e fresco. Tanto che, alcuni esperti suggeriscono di tornare ad usare sostanze detergenti commestibili, quali aceto, bicarbonato di sodio e limoni.

Come scrive Penny Sarchet su New Scientist di questa settimana, elencando gli inquinanti delle nostre abitazioni, «ciò include deodoranti, shampoo, saponi, candele profumate, detersivi per bucato e prodotti di pulizia. Non vi è alcun obbligo giuridico per questi prodotti di elencare tutti i componenti. E mentre i composti contenuti sono singolarmente stati testati per la tossicità, non sappiamo quanto possano risultare dannosi quando sono mescolati tra loro».

Le soluzioni? La prima, le piante d’appartamento. Grazie alle ricerche della NASA durante i voli spaziale con equipaggio, si sa da oltre un decennio che le piante possono assorbire sostanze chimiche organiche, come benzene e formaldeide, dall’aria. E tra le piante più gettonate per assolvere al compito di depurativo d’ambiente, c’è la Guzmania lingulata (astenersi da facili ironie sul nome). La seconda soluzione: l’aria. Nel senso di cambiare spesso l’aria degli ambienti. Apriamo le finestre. Respireremo ed entreremo meno in contatto con inquinanti ambientali. A una condizione. Sempre che le vostre finestre non si affaccino proprio su una strada super trafficata. Allora meglio ripiegare sulla lingulata. Magari messa davanti alla finestra.

Annunci

Una Risposta

  1. Ci sono delle contraddizioni in noi: pulizia maniacale della casa è disarmante leggerezza nella raccolta differenziata, L’amore incondizionato per la natura non risparmia i corsi dei fiumi e dei torrenti invasi dai residui dei bucati, la passione eroica per la montagna non fa rinunciare alle corroboranti docce dopo la discesa calde e voluttuose che vanno a incidere sulla temperatura sotterranea… e via di questo passo
    È poi chiediamoci: perché si pulisce così tanto conndetergenti diversi che ci attirano per i colori forti per i loro aromi?blu per il bagno, verdi per la cucina, ambra per i legni?
    Avete mai provato i decalcificanti per il box doccia? La loro fragranza si mescola ai vapori della doccia e questa strana atmosfera acquea scende giù in gola fino all’ultimo respiro!
    È vi siete mai chiesti come può un dentifricio blu i cui residui sono rintracciabili nei villi intestinali, rendere i denti bianchi?
    Questa pulizia a tutti i costi che nulla può contro i pidocchi che resistono imperterriti nelle scuole di ogni ordine e grado, non nasconde forse un disagio diverso, interiore, più profondo.
    Voglia di pulizia dell’anima?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: